I CRICETI

Le specie di criceto attualmente commercializzate in Italia sono le 5 riportate nella tabella a seguire:

Il criceto russo, il criceto winter white o siberiano, il criceto dorato, il criceto roborovsky e il criceto cinese.

 

 GESTIONE

 

E’bene tenere presente che i criceti sono animali solitari; la presenza di più individui nello stesso ambiente può portare a lotte violente tra loro e a lesioni spesso gravi.

Inoltre una femmina di criceto può partorire fino a 10-14 piccoli che diventano sessualmente maturi, a seconda della specie, dopo 1-2 mesi di vita.

 

Quando quindi si scegli di portare a casa un criceto bisogna conoscere le sue necessità.

Innanzitutto non sono animali adatti per bambini piccoli: il criceto spaventato oltre a mordere, sfugge velocemente dalle mani, procurandosi danni e ferite spesso letali. Sono animali prevalentemente notturni che dormono e rimangono tranquilli durante il giorno e si attivano la sera.

E’ bene fornire loro ampi spazi e la possibilità di passeggiate serali, fuori dalla gabbia in tutta sicurezza.

A seconda della specie, la gabbia deve avere caratteristiche ben precise; deve essere posta in una zona tranquilla della casa, lontano da correnti d’aria e fonti di calore che potrebbero surriscaldare la gabbia e uccidere il criceto.

 

ALIMENTAZIONE

 

E’ bene fornire un’alimentazione varia e bilanciata che non contenga un solo tipo di alimento.

In commercio esistono miscele di semi e cereali biologici indicate per i criceti e composte da:

avena, riso decorticato, grano tenero, mais, segale, miglio, scagliola, semi di lino, panico…

 

Oltre al mix di semi, bisogna offrire quotidianamente verdura, frutta e qualche elemento proteico come le tarme della farina e i legumi: piselli secchi, lenticchie, fave.

Tra le verdure commestibili per il criceto si ricordano: 

tutte le insalate, radicchi, tarassaco, cicoria (ad eccezione della lattuga iceberg o trocadero che sono troppo acquose e povere di nutrienti), carote, pomodori (senza parti verdi e picciolo), finocchi, sedano, cetrioli, broccoli e cavoletti di bruxelles, germogli di soia, fagiolini..


La frutta di stagione invece deve essere somministrata 2-3 volte a settimana e comprende:

mele, pere, ciliegie, albicocche, uva, fragole, mandarini, prugne, pesche, melone, anguria, frutti di bosco, arancia, banana, fichi, pompelmo…

 

EVITATE ASSOLUTAMENTE mix di semi che contengano elementi zuccherini, miele, coloranti e troppi elementi grassi quali semi di girasole o arachidi intere, patate, aglio e cipolla, cioccolato, dolci e carboidrati complessi.

 

 

SALUTE E CURE VETERINARIE

 

E’ consigliabile portare ad una visita veterinaria il vostro nuovo criceto, subito dopo l’acquisto, durante la quale il vostro Veterinario esperto in animali esotici vi darà preziosi consigli per la sua gestione e controllerà lo stato di salute del vostro nuovo amico.

E’ importante quindi appurare l’assenza di malattie, di parassiti esterni, presenti sul pelo e sulla cute e l’assenza di parassiti intestinali tramite l’esame delle feci.

Tra le malattie più comuni, oltre ai parassiti, interni ed esterni, troviamo infezioni intestinali, patologie delle tasche guanciali, ascessi e neoplasie.

 

 

Dr.ssa Marta Bonfanti DVM