L'ENCEFALITOZOONOSI DEL CONIGLIO

L’encefalitozoonosi è una malattia parassitaria che può interessare il coniglio da compagnia.

La maggior parte dei conigli presenta sintomi a carico del sistema nervoso centrale, del rene e dell’occhio. 

La manifestazione di tale parassita in forma acuta,  provoca degli eclatanti sintomi, quali la rotazione della testa e la  perdita dell'equilibrio, mentre la forma subclinica è meno evidente tanto che può essere notata solo con molta attenzione ed i sintomi sono ad esempio la minor velocità nei movimenti, riluttanza nell'uscire dalla gabbia e lievi problemi oculari.

Questa malattia si trasmette tramite l’urina in quanto il parassita rilascia le sue spore infettanti molto resistenti all'ambiente, che vengono ingerite e inalate dall'animale. Inoltre questo parassita può infettare anche altri mammiferi, tra cui l'uomo, dunque è necessario controllare lo stato sanitario del proprio coniglio misurando settimanalmente il consumo idrico, il peso e fare degli esami di laboratorio prescritti dal veterinario specialista.

L’infezione può essere diagnosticata dopo l’ottava settimana di vita tramite un esame del sangue e se l'animale è positivo alla malattia viene impostata una terapia medica che può variare in base ad ogni paziente.

Infine è bene precisare che per evitare contaminazioni è consigliato non mettere a contatto il proprio animale già sottoposto ai dovuti test con altri conigli che non hanno fatto gli screen sopra consigliati.

 

Dr.ssa Viviana Gangemi DVM - TePACS